Il derby parla arianese. Passiamo noi


da www.cittadiariano.it

ARIANO IRPINO – Abbiamo vinto noi. E’ finita 2-1 per noi. Un’attesa che durava dal 1997, quando entrambe retrocessero dall’Eccellenza alla Promozione. Da allora un lunghissimo momento buio per il Grotta e un breve momento buio per l’Ariano, prima del nuovo momento di gloria della Serie D. Anche le tifoserie lo aspettavano da tempo, come dimostra la nutrita presenza di tifosi provenienti da Grotta e di tifosi di casa, nonostante fosse un giorno lavorativo. L’Ariano onora l’impegno e trionfa ancora una volta in rimonta. Come a Cervinara, come a Pontecagnano. Ancora una volta va sotto, cade e si rialza. Come i grandi pugili. Una squadra che sa incassare, per poi rialzarsi e trovare le forze per sferrare il colpo del ko. Colpo del ko che porta la firma di Alessio Errico, arrivato da 24 ore sul Tricolle e subito protagonista della partita più attesa, quella che nessuno oggi voleva perdere.

Una sfida sentita sugli spalti, ma anche in campo, dove per un tempo le due squadre sono rimaste bloccate a studiarsi. L’Ariano fa a meno di Marinaccio e Bernardo, ancora non al meglio. Il Grotta, reduce dalla bella vittoria di Paolisi che ha dato ulteriore fiducia all’ambiente, arriva ad Ariano per giocarsela e per provare il colpaccio. Agli ospiti serve per forza la vittoria, visto che il pareggio, per via del maggior numero di gol realizzati, premierebbe la Vis. Si parte con 30 minuti di ritardo, ma per vedere la prima occasione bisogna attendere addirittura il 20’. Parisi riceve palla all’altezza del dischetto del rigore da Modesto, ma il suo tiro è da dimenticare e la palla finisce alta. Uno-due di emozioni al 35’ e al 36’. Prima il bel tiro al volo di Cutabile dopo un maldestro rinvio di testa di Lucarelli; ma è bravo Meccariello a farsi trovare pronto. Capovolgimento di frone e Cavotta in area di rigore fa tutto da solo, ma spreca tutto con un tiro che spedisce il pallone alto. Il primo tempo del derby dell’Ufita è tutto qui.

La ripresa è tutta un’altra storia. Casale effettua due sostituzioni, facendo entrare Napolillo e Russolillo al posto di Filomena e Cavotta. I due nuovi entrati si fanno subito vedere e rivitalizzano un Grotta troppo bloccato nella prima parte di gara. Il primo squillo lo regala al 4’ Torsiello con un numero dal limite dell’area, che impegna seriamente Federici, chiamato agli straordinari per deviare in angolo. Ma sul corner la palla arriva in area: sul primo tiro Federici smanaccia come può, ma la palla resta lì e l’ex di turno Pino Guardabascio insacca per il vantaggio grottese. L’Ariano sembra accusare il colpo, ma come accaduto anche a Pontecagnano, riesce a trovare il modo per rialzare la cresta. E lo trova ancora una volta grazie a Parisi, che riceve palla al limite dell’area di rigore avversaria, entra e fa partire il tiro vincente. Pareggio immediato. La partita si fa bella. Torsiello ci prova su punizione con tiro che finisce alto, pochi minuti dopo l’ingresso in campo nella squadra del Tricolle del nuovo arrivato Errico. Proprio Errico ci prova al 25’ con un tiro dal limite di poco fuori. Poco prima era stato l’ottimo Purcaro a provarci con un’azione personale in cui l’unica cosa negativa è stata la conclusione, alta. La svolta al 28’: il Grotta esaurisce i cambi facendo entrare il giovane Annicchiarico, ma un solo minuto dopo Luzzi esce malconcio da un contrasto e non riesce a rientrare. Con gli ospiti in dieci l’Ariano prende coraggio e manovra meglio. Al 37’ il momento decisivo: Santosuosso lancia con una palla al bacio il giovane Errico, che solo davanti a Meccariello non sbaglia. E’ il 2-1 ed è l’apoteosi al “Renzulli”. Il derby di fatto finisce qui. Sconfitta che chiama il Grotta a riflettere e che fa capire che il cammino sarà lungo e difficile in questa stagione.

Per l’Ariano entusiasmo alle stelle per la vittoria alla prima uscita interna e che dà fiducia a un ambiente deluso dopo il pareggio di Pontecagnano e preoccupato per il trittico di sfide che attende la Vis in campionato (Gragnano, Scafatese, Forza e Coraggio). Avanza la Vis, che continua il suo percorso in coppa. Il Grotta torna al lavoro per salire in Eccellenza e sogna già la rivincita. Oggi, però, al “Renzulli” non si passa. Oggi la festa la facciamo noi.

.

Questo slideshow richiede JavaScript.

VIS ARIANO – GROTTA 2-1
Vis Ariano:
Federici, Di Gruttola, Parisi, Modesto, Bravoco, Spaccamiglio R., Cutabile, Memoli, Spaccamiglio G. (15’ st Errico), Santosuosso, Purcaro. All.: Montanile
Grotta: Meccariello, Villanova, Lucarelli, Squarciafico (28’st Annicchiarico), Penta, Capossela, Filomena (1’st Napolillo), Luzzi, Guardabascio Giu., Torsiello, Cavotta (1’st Russolillo). All.: Casale
Arbitro: Romaniello di Napoli
Marcatori: 5’st Guardabascio Giu. (G), 10’st Parisi (A), 37’st Errico (A)
Espulsi: nessuno
Ammoniti: Di Gruttola, Errico, Villanova, Torsiello
Note: la Vis Ariano si qualifica ai sedicesimi della fase regionale della Coppa Italia Dilettanti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...