Parte IV: gli anni dell’Interregionale


Questo slideshow richiede JavaScript.

L’ultima volta dell’Ariano in quarta serie (all’epoca Promozione Interregionale) è stata a cavallo tra le stagioni 1948/49 e 1950/51. Ma dopo le due reti di Spica negli spareggi, i biancazzurri finalmente ritornano ai massimi livelli del calcio dilettantistico. Dal 1981 la squadra arianese disputa ben sei stagioni in Interregionale, alcune di queste veramente belle. Sei anni indimenticabili. Ripercorriamoli.

L’era Graziano: sei stagioni in Interregionale
– La stagione 1981/82 vede l’Ariano di Graziano investire molto sul mercato. Vengono confermate le colonne della squadra come De Cata, Barbieri, Melito, Di Chiara, Spica, Campagna, Caso, Olmo, Giorgione e Pagliaro. Ma soprattutto arrivano nuovi giocatori, tutti di alto livello per la categoria. Il leggendario portiere Iachini, Ambra, Del Gaudio, Masullo e Cavaliere. In panchina arriva Elia Grego come nuovo allenatore. La squadra del Tricolle viene introdotta in un girone composto per metà da squadre campane e per metà da squadre calabresi. Il campionato dell’Ariano è di ottima fattura e si conclude al quarto posto alla pari con il Castrovillari. Grande stagione.
– La stagione 1982/83 vede l’Ariano avvalersi di nuove leve come Apollonio e D’Atri, con la “bandiera” De Cata nel doppio ruolo di allenatore-giocatore. Il girone stavolta è composto in grandissima parte da squadre campane, ma anche da alcune compagini laziali, abruzzesi e molisane. Il campionato si chiude con una salvezza conquistata con larghissimo anticipo e un sesto posto alla pari con Acerrana e Gaeta.
– La migliore stagione, però, è quella del 1983/84. Il colpo di mercato è Antonio Armonico, direttamente dalla Carratese. Oltre a lui arrivano anche Galasso, Amaddeo, Signorillo, Derme e Viscardo. Il campionato è di livello altissimo. Nel girone d’andata l’Ariano vola, poi si perde un po’ nel girone di ritorno. In un girone composto interamente da squadre campane, l’Ariano chiude, però, con un ottimo terzo posto alla pari con la Puteolana ad un solo punto dal Nola secondo classificato. Dal 1949 il miglior campionato della storia dell’Ariano.
– Nel 1984/85 la compagine arianese continua ad esprimersi alla grande. Torna in squadra Olmo, mentre arrivano anche Grella, La Torre, Budroni e Bozzi. La stagione non è eccezionale come quella precedente, ma comunque l’Ariano ottiene la salvezza nel suo girone prevalentemente composto da squadre abruzzesi, ma anche con diverse compagini provenienti dalla Puglia.
– Che la musica stia cambiando e non per il meglio, però, lo si capisce dal 1985/86. I colpi di mercato sono Cofano e il bomber Erodia, mentre fa il suo ingresso in squadra La Vita, presenza fissa nei campionati degli anni Novanta. Grazie ai gol di Erodia l’Ariano riesce a salvarsi chiudendo a 4 punti dalla zona retrocessione nel suo girone quasi interamente composto da squadre laziali, con alcune squadre campane e abruzzesi.
– Ma gli anni d’oro stanno finendo. La stagione 1986/87 è l’ultima dell’era Graziano. L’Ariano non riesce a rialzarsi dal declino. La causa è anche l’età non più giovane di molte colonne, alcune delle quali hanno già dato l’addio al calcio. Inserita ancora in un girone prevalentemente laziale, con alcune minoranze campane e abruzzesi, l’Ariano dà comunque battaglia e fa di tutto per salvarsi. Chiude, però, penultimo alla pari col Formia e manca la salvezza per soli 2 punti. Dopo sei stagioni si torna in Promozione. Per anni questi sei campionati in Interregionale resteranno nei ricordi del popolo arianese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...