E’ l’Ariano il re dell’Ufita. Grotta schiantato ancora


GROTTAMINARDA – Verrebbe quasi da ridere, ma viene quasi da dire che se il campionato fosse fatto di soli derby l’Ariano sarebbe al primo posto. Torniamo seri, certo, ma non si può non prendere atto dell’ennesimo derby vinto dai ragazzi del Tricolle, in casa dei rivali di sempre del Grotta. Un 2-0 senza appello firmato da Lo Conte e De Stefano. Beffardo, oltre che utile per la salvezza. Beffardo perché mette a serio rischio la partecipazione ai play off dei giallorossi. Ma andiamo con ordine.

Alla gara si arriva con un Grotta in grande forma. Certo, reduce dal pareggio a sorpresa di San Martino, ma dalla gara di andata contro l’Ariano, esattamente un girone fa, i giallorossi non hanno più perso. Eppure si sono trovati dinanzi rivali di un certo livello come Cervinara, Eclanese e Paolisi. Nessuno ce l’ha fatta. Anche l’Ariano è in un buon momento. Vittorie importanti contro dirette rivali, alternate a sconfitte a testa alta (vedi Solofra e Cervinara) e all’impresa sull’Eclanese. Insomma gara aperta.

Il primo brivido lo creano i padroni di casa con una traversa di Tranfa. La gara si sblocca dopo un quarto d’ora con Lo Conte, che realizza sugli sviluppi di una punizione battuta dall’ex di turno Luzzi. Il Grotta ci prova, ma sbatte contro le parate di Florio e contro la traversa, come quella colpita da Calabrese. Così nella ripresa arriva il colpo del ko. Di Paola lancia alla perfezione De Stefano, che davanti all’estremo difensore locale non sbaglia e regala il raddoppio ai biancazzurri. Da qui alla fine l’Ariano contiene e si porta a casa un successo d’oro.

Si diceva, beffardo. Sì. Il Grotta ancora una volta fallisce il sorpasso all’Eclanese, anzitutto. Poi finisce a -12 dal Cervinara secondo. Vincendo mercoledì i giallorossi sarebbero terzi, ma a -9 dai caudini, distacco massimo per giocare i play off. L’Ariano, dal canto suo, si stacca ancora dai play out. Ora i biancazzurri sono a +4 sul dodicesimo posto, ma pur venendo risucchiati, i vantaggi sulle ipotetiche rivali sono considerevoli (+8 sul Taurano, addirittura +13 su San Martino e Carotenuto).

Ma la questione derby tiene banco. E non può essere diversamente. Da quando Ariano e Grotta sono tornati ad affrontarsi, fa poca differenza se si tratti di Coppa Italia (come nella passata stagione) o campionato, o che si giochi al “Renzulli” o al “Romano”. La vincitrice è sempre la stessa. Perché è vero, caro Ariano, sei tu il re dell’Ufita.

Cattura1

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...